ItalianoEnglish

19.01.2018. Corriere del Ticino

There are no translations available.

«I trafficanti di esseri umani operano come imprenditori»
Gli arrivi irregolari in Europa continuano a diminuire, ma l’attenzione rimane alta
L’esperto Fabrizio Costantino: «Serve cooperazione per affrontare il fenomeno»

- di Paolo Gianinazzi -

I dati e le cifre pubblicati negli ultimi mesi parlano chiaro. Gli arrivi di migranti irregolari, nel Mediterraneo così come in Svizzera e nel nostro Cantone, sono diminuiti notevolmente negli ultimi mesi, in particolare a partire dalla fine di quest’estate. Tuttavia, nel mondo i rifugiati hanno raggiunto l’allarmante cifra di 22,5 milioni di persone. E l’attenzione dei cittadini riguardo al fenomeno non è certo diminuita. Nel Vecchio continente nel bene e nel male si continua a parlare di immigrazione e delle sue conseguenze. Senza poi dimenticare che la scottante tematica è al centro del dibattito politico anche negli Stati Uniti, dove il presidente Donald Trump con le sue decisioni divide l’opinione pubblica. Insomma, un tema che non smette di far discutere. Ma le politiche messe in atto dai Governi sono efficaci? Ne abbiamo parlato con Fabrizio Costantino, ricercatore dell’Università di Trento ed esperto di criminalità organizzata e immigrazione clandestina. [...]

20.01.2018. Rai Radio 1

There are no translations available.

Nel programma settimanale "Inviato Speciale" di Rai Radio 1, nel servizio di Rita Pedditzi, Baratto spiega come i trafficanti di uomini pubblicizzano i loro servizi utilizzando i social network, alla luce del sole, come delle vere e proprie agenzie di viaggio (risultati del progetto UE “www.surfandsound.eu”).

[Reloaded]  Minuti 36:00-47:00

[www.raiplayradio.it/inviatospeciale]

28.11.2017. Costantino alla "Giornata della trasparenza 2017"

There are no translations available.

Fabrizio Costantino partecipa alla "Giornata della trasparenza 2017: Il contrasto al fenomeno della corruzione e l'implementazione della trasparenza in sanità" con un intervento dal titolo "Trasparenza e prevenzione della corruzione in sanità". 

L'evento è organizzato dal Policlinico San Matteo, l'Agenzia di Tutela della Salute e l'Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Pavia.

Pavia, martedì 28 novembre 2017
Aula Magna C. Golgi
Fondazione I.R.C.C.S. Policlinico “San Matteo”
Viale Camillo Golgi, 19 - Pavia
 

[Programma]

eSecurity: protocollo d’intesa tra Regione Puglia, Università di Trento e Intellegit

There are no translations available.

Lunedì 25 settembre il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha sottoscritto un protocollo d’intesa con il Rettore dell’Università degli Studi di Trento, Paolo Collini e l'amministratore delegato di Intellegit, Giorgio Casoni su “eSecurity – ICT for knowledge-based and predictive urban security”. Un protocollo sperimentale per migliorare le politiche di prevenzione in materia di sicurezza urbana e protezione del cittadino, nell'ottica di un più complessivo sistema di sicurezza integrato.
 
Il coordinamento del progetto sperimentale e innovativo eSecurity è del gruppo di ricerca eCrime dell’Università degli Studi di Trento, guidato da Andrea Di Nicola. Il modello creato, in sperimentazione anche in Puglia con la sottoscrizione del protocollo d’intesa, è ancora oggi unico nel suo genere.
 

 

Il mio impegno personale è quello di sostenere questo protocollo d’intesa nella sua evoluzione più prossima – ha detto il presidente Emiliano - siamo pronti ad investire in questa materia con il coraggio di innovare. Lavoriamo da molto su questi temi ma soprattutto ha lavorato Stefano Fumarulo. Grazie a lui, noi oggi siamo qui. E se lui ci fosse sarebbe davvero tutto molto più semplice e facile. Stiamo giocando con lo stesso impeto e determinazione, ma con un grande giocatore che ci manca. Cercheremo di far fronte a questa situazione con i collaboratori di Stefano che sono stati molto importanti per la prosecuzione di questo lavoro, insieme con Roberto Venneri”.

 
La collaborazione tra Università di Trento e Regione Puglia, che ha portato oggi alla sottoscrizione del protocollo d’intesa su questi temi, nasce da lontano, con l’impegno, la passione e l’intuito di Stefano Fumarulo, dirigente dell’Antimafia sociale della Regione Puglia, scomparso precocemente.
 
Questo è un protocollo d'intesa – ha spiegato Emiliano - che consentirà all'Università e alla Regione Puglia di studiare i dati del crimine della regione in modo da avere dati predittivi sulla commissione dei reati in futuro. Si tratta di statistica, di meccanismi attraverso i quali studiando la reiterazione dei reati in determinate condizioni, in determinati luoghi e in determinati orari, è più facile dare suggerimenti alle forze dell'ordine su come collocarsi sul territorio. Ma non solo. Questi dati saranno utilissimi alle attività dell'antimafia sociale per intervenire in quei quartieri, in quei luoghi, in quelle città dove è più necessario intervenire sull'educazione alla legalità, contro la violenza sulle donne e contro, in generale, quei fenomeni drammatici che abbiamo dovuto affrontare proprio da ultimo anche nella regione Puglia. Si tratta di una soglia molto avanzata. La Puglia – ha concluso Emiliano - sarà, dopo la provincia autonoma di Trento e la città di Trento, il primo soggetto pubblico che avvia studi di questo tipo in collaborazione con un'Università che è stata antesignana di questo genere di approfondimento scientifico”.
 
Il progetto, che ha visto la città di Trento laboratorio sperimentale, ha generato metodologie e conoscenze uniche nel loro genere per la raccolta di dati sul crimine e sui livelli di insicurezza percepita dai cittadini e sul disordine urbano.
 
La nostra ricerca – ha sottolineato il rettore dell’Università di Trento Paolo Collini - è una ricerca fortemente pluridisciplinare che mette insieme scienze giuridiche, scienze sociali, tecnologiche, scienze pure, cercando di connetterle tra loro. Oggi è un’occasione importante per noi perché non solo è un campo applicativo, che per noi è un campo di ricerca, ma anche perché restituiamo strumenti utili per le amministrazioni. La ricerca mette a punto non solo un modello di analisi del territorio del crimine ma anche un modello predittivo, la capacità cioè di anticipare i luoghi dove il crimine si manifesta e si concentra maggiormente”. Sui risultati concreti che questa ricerca ha prodotto, Collini ha detto che “negli Usa questi strumenti hanno dato risultati significativi in termini di riduzioni percentuali dei fenomeni criminali di tipo urbano che sono quelli di cui ci occupiamo. E anche a Trento hanno dato un miglioramento nelle politiche e un cambiamento nel tessuto sociale”. “Un altro aspetto peculiare della ricerca – ha concluso il Rettore – è l’approccio utilizzato che prevede anche di andare dai cittadini a vedere le loro sensazioni per capire come il dato criminale è vissuto dalla popolazione”.
 
Alla conferenza stampa sono intervenuti Roberto Venneri, dirigente regionale ad interim della Sezione Sicurezza del cittadino, Politiche per le Migrazioni, Antimafia Sociale, Giorgio Casoni, amministratore delegato di Intellegit (startup innovativa sui rischi legati alla sicurezza dell’Università di Trento) e Andrea Di Nicola, coordinatore scientifico del gruppo di ricerca eCrime.
 
Ha partecipato anche Rosa Barone, presidente della commissione criminalità del Consiglio regionale della Puglia. .
 

14-16.09.2017. EUROCRIM 2017

There are no translations available.

Di Nicola, Baratto, Costantino e Terenghi parteciperanno come relatori alla 17a edizione della conferenza annuale della "European Society of Criminology" sul tema "Challenging ‘Crime’ and ‘Crime Control’ in Contemporary Europe", che si terrà a Cardiff (UK) dal 13 al 16 settembre.

Giovedì 14 settembre
Panel 3.1 (14:00 - 15:15)
Corruption in the private sector
Chair: Andrea Di Nicola
 
P3.1 - 2. The Private Corruption Barometer: results from Italy
Fabrizio Costantino 
 
Panel session 3.12 (14:00 - 15:15)
Social Media and Crime Control
 
P3.12 - 45. Social smugglers: the role of the Internet in people smuggling
Gabriele Baratto 
 
Sabato 16 settembre
Panel 9.23 (09:00 - 10.15)
Managing seized assets & ICT: existing tools and future developments in the EU
Chair: Fiamma Terenghi
 
P9.23 - 79. Asset management & ICT: the EU funded Project Payback
Fiamma Terenghi .
 

More Articles...

Page 4 of 13

4

Intellegit

 
Intellegit è la start up dell'Università di Trento, nata dalle ricerche applicate di eCrime, che trasforma il know how accademico in soluzioni per la sicurezza a servizio di istituzioni, organizzazioni, imprese e pubbliche amministrazioni.
 
 

Twitter

Ultima pubblicazione

ECRIME RESEARCH REPORTS N. 05
PAYBACK - Towards a EU Data Management System for Seized Assets

Autori: Andrea Di Nicola, Barbara Vettori, Marco Angheben
con: Alex Pellegrini, Yuly Margeory Sanchez Quispe, Luca D’Amore, Radu Nicolae, Jesús Palomo Martínez, Georgiana Camelia Iorgulescu, Vadim Mihai Chiriac.

Pubblicazione: luglio 2018
ISSN: 2284-3302
ISBN: 978-88-8443-814-0
 

News from eCrime

08.2019. Project SceMaps

08.2019. Project SceMaps
The infographic presents SceMaps, an EU-founded project whose objective is to estimate and monitor state capture at sector level in Bulgaria, Italy, Romania, and Spain. The project pioneers a three-dimensional...
more

24.01.2019. Sicurezza del territorio: il Commissario del Governo Lombardi a eCrime

24.01.2019. Sicurezza del territorio: il Commissario del Governo Lombardi a eCrime
There are no translations available.     Sicurezza urbana, predizione della criminalità, contrasto alla corruzione, al degrado, gestione del territorio, coinvolgimento...
more

09.01.2019. TEDx Trento - Di Nicola: La sicurezza nella città del futuro

There are no translations available. Il video del talk di Andrea Di Nicola a TEDxTrento (1 dicembre 2018): La sicurezza nella città del futuro.   Dentro c’è un’idea...
more

11.2018. Eventi progetto FINOCA 2.0

11.2018. Eventi progetto FINOCA 2.0
There are no translations available.     Trento, 30 novembre 2018 (9.15-14.00) Conferenza nazionale Finanziamento e uso dei fondi...
more

17.09.2018. Rai 3 - PresaDiretta

17.09.2018. Rai 3 - PresaDiretta
There are no translations available.     Nella puntata "La città si cura" della trasmissione “PresaDiretta” (Rai3) condotta da Riccardo...
more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

eCrime in the media

31.07.2019. L'Adige

31.07.2019. L'Adige
There are no translations available. «I capitali delle mafie? Temo siano già arrivati»
Il criminologo Di Nicola: rischi maggiori nell'edilizia
- di Giorgio Lacchin...
più info

15.04.2019. Trentino TV - Filo diretto

15.04.2019. Trentino TV - Filo diretto
There are no translations available.     Fiamma Terenghi ha partecipato in studio alla puntata "Case chiuse: ritorno al passato o soluzione al problema?"...
più info

07.03.2019. Rai Radio 1

07.03.2019. Rai Radio 1
There are no translations available. Nella puntata "Oltre la Tav e Legittima Difesa" del programma "Radio Anch'io" di Rai Radio 1 condotto da Giorgio Zanchini, si parla di...
più info

02.03.2019. La Vanguardia

02.03.2019. La Vanguardia
There are no translations available. Nell'articolo del quotidiano spagnolo La Vanguardia, intervista a Di Nicola e Baratto su come i trafficanti di uomini utilizzano i social network per promuovere...
più info

21.02.2019. Stasera Italia

21.02.2019. Stasera Italia
There are no translations available.     Nel servizio "Un singolare tour operator" della trasmissione Stasera Italia (Rete 4) Di Nicola ha parlato delle...
più info
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8