ItalianoEnglish

16.04.2015. eSecurity, primo progetto europeo di sicurezza urbana predittiva, su Panorama

There are no translations available.


Oggi eSecurity, progetto europeo coordinato da eCrime, e realizzato con Questura di Trento, FBK e Comune di Trento è su Panorama. eSecurity è considerato dalla Polizia di Stato il primo test di polizia predittiva in Italia. La “polizia predittiva” usa i dati di polizia sui crimini passati e sulla loro collocazione spazio-temporale per prevedere i futuri luoghi della criminalità e allocare le risorse in modo ottimale. eSecurity va oltre: fa evolvere la “polizia predittiva” in “sicurezza urbana predittiva”.

Da due anni stiamo lavorando ad un software che raccoglie 1) dati di polizia georiferiti su furti in appartamento, furti di auto, furti su auto, spaccio e altri reati e li fonde con 2) altri dati su vittimizzazione, insicurezza, disordine urbano, provenienti direttamente dai cittadini, e con 3) informazioni dalla Smartcity (es. illuminazione, traffico, clima). Il fine, attraverso algoritmi predittivi, non è solo predire meglio i rischi criminali in città, ma anche capire e confrontare delinquenza, percezione di sicurezza, disordine urbano in tempo reale. Un software che, con un click, fa visualizzare problemi e suggerisce soluzioni a chi gestisce la sicurezza urbana, sia un sindaco o un questore. Conosciamo, prevediamo, preveniamo.

Il software eSecurity è in fase di finalizzazione. Una prima versione verrà presentata a maggio e la versione finale nel mese settembre in una conferenza finale del progetto a Trento.

La ‘Ndrangheta a casa mia

There are no translations available.

Tiberio Bentivoglio racconta la sua scelta di imprenditore antimafia
Venerdì 10 aprile 2015 dalle 11:00 alle 13:00

Tiberio Bentivoglio, commerciante di Reggio Calabria, ama definirsi non un Testimone di giustizia, ma piuttosto un Testimone di Verità. Parlerà della sua esperienza di lotta alla 'ndrangheta. L'evento è organizzato in collaborazione dalla Facoltà di Giurisprudenza, da Divieto di Sosta e da Libera Trentino.

Introduce: Prof. Andrea Di Nicola.

Luogo: Foyer, Facoltà di Giurisprudenza, via Rosmini 27 - Trento

[Programma]

Il diritto in prima pagina

There are no translations available.

Ciclo di incontri
Dal 19 marzo al 30 settembre 2015

Mafia, criminalità, immigrazione, questioni di inizio e fine vita, disastri ambientali, grandi processi e inchieste che sono rimaste nella storia: i mezzi di informazione seguono e raccontano ogni giorno le evoluzioni del diritto, avvicinano l’opinione pubblica alle questioni che la giurisprudenza si trova ad affrontare e a volte diventano essi stessi, talvolta prepotentemente, parte del dibattito.

In occasione del trentennale dalla sua fondazione, la Facoltà di Giurisprudenza dedica al rapporto tra diritto, cronaca e informazione una ampio ciclo di incontri, dal titolo “Diritto in prima pagina”, che prenderà il via già a nei prossimi giorni.
Protagonisti degli incontri saranno giornalisti, locali e nazionali che hanno seguito casi di grande attualità, a confronto con i docenti della Facoltà.

Luogo: Foyer - Facoltà di Giurisprudenza, via Verdi, 53 - Trento

[Programma]

09.01.2015. BBC News

There are no translations available.

Migrant ghost ships: Who are the people smugglers?
- By Jasmine Coleman -

Human traffickers are believed to have set the Ezadeen cargo ship on autopilot before abandoning it to continue at full speed across the Mediterranean with 359 illegal migrants on board.

Experts say it is part of a new tactic that has emerged in recent months, with smugglers using old freighters to transport hundreds of people - mostly Syrian refugees - from Turkey to EU countries.
Just days earlier, the Blue Sky M, carrying 970 people, was found adrift in Greek waters.
Who are the people organising these perilous journeys - and what is being done to stop them?

Organised crime
Officials say the Ezadeen was carrying the Sierra Leone flag, while the Blue Sky M was sailing under a Moldovan flag.
A previous case involved a freighter with the flag of Tonga, says Izabella Cooper, spokesperson for Europe's border control agency, Frontex.
But identifying the smugglers is not that straightforward.
The ships' crews are thought to have come from countries including Russia, Egypt and Syria, according to Ms Cooper.
And they may be linked to criminal gangs operating on an international scale.
"People trafficking is an international crime," says Claude Moraes, MEP and chair of the Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee at the European Parliament.
"Part of it is still opportunistic. But as time goes on, it is far more organised and we see it linked to other crimes on the mainland.". [...]

 

01.11.2014. Trentino

There are no translations available.

Un premio e persone che fanno sperare

È un immenso onore per me avere ricevuto il Premio Nazionale Paolo Borsellino per l’impegno civile, a Pescara, sabato scorso. Se è successo lo devo anche alle istituzioni che da tanti anni mi permettono di condurre al meglio il mio lavoro di ricerca e di didattica in criminologia, l’Università degli Studi di Trento e la sua Facoltà di Giurisprudenza, e alle tante persone che collaborano con me nella ricerca, che qui voglio ringraziare. E lo devo anche ai miei studenti, che ogni giorno mi fanno capire che la strada intrapresa è quella giusta e rinnovano la mia passione per quello che faccio.
Sono stato lieto che l’Università degli Studi di Trento sia entrata, tramite me, in questo premio, 
giunto ormai alla sua XIX edizione e voluto nel 1992, per non dimenticare, dal giudice Antonino Caponnetto, che ne è stato a lungo il primo presidente. Ne sono lieto perché la conoscenza e la criticità sono un grande antidoto contro il malaffare e le mafie e perché l’università ha un ruolo di primo piano nell’attivare e consolidare quel “movimento culturale e morale” che deve coinvolgere “tutti e specialmente le giovani generazioni, le più adatte a sentire subito la bellezza del fresco profumo di libertà, che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità”, come diceva proprio Paolo Borsellino.
E alle nuove generazioni, ai miei studenti dedico questo premio. Insegnare a loro è per me un privilegio, oltre che una grande ma bellissima responsabilità. Innanzitutto a loro, ai miei studenti, e agli studenti dell’Università degli Studi di Trento e di tutte le università italiane, voglio dare un suggerimento: se avete voglia di investire un poco di tempo, guardate in internet il video del 19° Premio Nazionale Borsellino e ascoltate le parole di alcuni dei premiati. Ascoltate i discorsi di donne e uomini normali e speciali nella loro normalità. Di fronte alle testimonianze del maresciallo Andrea Marino di Oppido Mamertina, del sindaco di Corleone Lea Savona, del sindaco di Casal di Principe Renato Francesco Natale, dell’imprenditore reggino Tiberio Bentivoglio non si resta indifferenti. Non si può restare indifferenti a ciò che ci dicono Giuliana Covella, Dina Lauricella, Giorgio Bongiovanni che fanno della loro professione di giornalisti un’arma, non violenta, contro la criminalità organizzata. O dinanzi agli esempi dei sostituti procuratori della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Palermo Roberto Tartaglia e Francesco Dal Bene che, sacrificando le loro vite, contro tutti e tutto, si stanno impegnando nel processo sulla trattativa stato-mafia. Insieme a questi premiati conoscerete altri italiani speciali come Oscar Buonamano, Leo Nodari, Gabriella Sperandio, Don Aniello Manganiello, Lorenzo Diana, che sono felice di avere incontrato lungo la mia strada. Vi indignerete, vi arrabbierete, vi commuoverete, e, come è successo a me, spero vi verrà voglia di fare sempre meglio per questo nostro scalcinato ma stupendo paese.
Vi verrà voglia di non restare indifferenti.
È impossibile che un paese con persone così non si salvi.
Chi prende le decisioni dovrebbe venire un poco di più a giornate come questa e ascoltare, ascoltare veramente, con la mente e il cuore aperti.
Persone così si meritano, noi tutti ci meritiamo di meglio.
 
Andrea Di Nicola
Professore aggregato di criminologia, Facoltà di Giurisprudenza,
Università degli Studi di Trento
Coordinatore scientifico di eCrime
 
 

More Articles...

Page 10 of 13

10

Intellegit

 
Intellegit è la start up dell'Università di Trento, nata dalle ricerche applicate di eCrime, che trasforma il know how accademico in soluzioni per la sicurezza a servizio di istituzioni, organizzazioni, imprese e pubbliche amministrazioni.
 
 

Twitter

Ultima pubblicazione

ECRIME RESEARCH REPORTS N. 05
PAYBACK - Towards a EU Data Management System for Seized Assets

Autori: Andrea Di Nicola, Barbara Vettori, Marco Angheben
con: Alex Pellegrini, Yuly Margeory Sanchez Quispe, Luca D’Amore, Radu Nicolae, Jesús Palomo Martínez, Georgiana Camelia Iorgulescu, Vadim Mihai Chiriac.

Pubblicazione: luglio 2018
ISSN: 2284-3302
ISBN: 978-88-8443-814-0
 

News from eCrime

08.2019. Project SceMaps

08.2019. Project SceMaps
The infographic presents SceMaps, an EU-founded project whose objective is to estimate and monitor state capture at sector level in Bulgaria, Italy, Romania, and Spain. The project pioneers a three-dimensional...
more

24.01.2019. Sicurezza del territorio: il Commissario del Governo Lombardi a eCrime

24.01.2019. Sicurezza del territorio: il Commissario del Governo Lombardi a eCrime
There are no translations available.     Sicurezza urbana, predizione della criminalità, contrasto alla corruzione, al degrado, gestione del territorio, coinvolgimento...
more

09.01.2019. TEDx Trento - Di Nicola: La sicurezza nella città del futuro

There are no translations available. Il video del talk di Andrea Di Nicola a TEDxTrento (1 dicembre 2018): La sicurezza nella città del futuro.   Dentro c’è un’idea...
more

11.2018. Eventi progetto FINOCA 2.0

11.2018. Eventi progetto FINOCA 2.0
There are no translations available.     Trento, 30 novembre 2018 (9.15-14.00) Conferenza nazionale Finanziamento e uso dei fondi...
more

17.09.2018. Rai 3 - PresaDiretta

17.09.2018. Rai 3 - PresaDiretta
There are no translations available.     Nella puntata "La città si cura" della trasmissione “PresaDiretta” (Rai3) condotta da Riccardo...
more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

eCrime in the media

31.07.2019. L'Adige

31.07.2019. L'Adige
There are no translations available. «I capitali delle mafie? Temo siano già arrivati»
Il criminologo Di Nicola: rischi maggiori nell'edilizia
- di Giorgio Lacchin...
più info

15.04.2019. Trentino TV - Filo diretto

15.04.2019. Trentino TV - Filo diretto
There are no translations available.     Fiamma Terenghi ha partecipato in studio alla puntata "Case chiuse: ritorno al passato o soluzione al problema?"...
più info

07.03.2019. Rai Radio 1

07.03.2019. Rai Radio 1
There are no translations available. Nella puntata "Oltre la Tav e Legittima Difesa" del programma "Radio Anch'io" di Rai Radio 1 condotto da Giorgio Zanchini, si parla di...
più info

02.03.2019. La Vanguardia

02.03.2019. La Vanguardia
There are no translations available. Nell'articolo del quotidiano spagnolo La Vanguardia, intervista a Di Nicola e Baratto su come i trafficanti di uomini utilizzano i social network per promuovere...
più info

21.02.2019. Stasera Italia

21.02.2019. Stasera Italia
There are no translations available.     Nel servizio "Un singolare tour operator" della trasmissione Stasera Italia (Rete 4) Di Nicola ha parlato delle...
più info
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8